FORNO (MASSA), RICHIESTA LA REVOCA DELL'ORDINANZA

Informazioni
Data aggiornamento pagina: 28-11-2022 alle ore : 18:34:13
Contatore visite: 987 hits
Il Gestore idrico GAIA S.p.A ha richiesto al Comune di Massa la revoca dell'ordinanza di non potabilità nella località di Forno: i valori di torbidità dell'acqua erogata sono infatti rientrati sotto i limiti, in tutti i punti di prelievo.

Come già detto, i fenomeni di intensa torbidità alla sorgente (causati dalla presenza elevata di carbonato di calcio) sono stati generati dall'effetto dilavante della pioggia sul sito. Il fenomeno di dilavamento è stato eccezionale per portata perchè avvenuto dopo mesi di siccità, ed aggravato dall'impossibilità per il Gestore, rispetto a quanto accaduto in casi analoghi, di effettuare manovre di esclusione e frazionamento delle sorgenti esposte a questo genere di fenomeno, in quanto le altre captazioni non avevano risorsa disponibile.

Ricordiamo che GAIA, non appena si è verificato il fenomeno, si è immediatamente attivata richiedendo al Comune l'emissione di una ordinanza di non potabilità preventiva, a tutela della salute pubblica, obiettivo primario e indifferibile che guida costantemente tutte le azioni del Gestore idrico.

Sotto questo principio di salvaguardia della salute pubblica, si sono svolte in questi giorni, inclusi sabato e domenica, tutte le operazioni, già descritte, di controlavaggio e bonifica dei filtri e monitoraggio dei parametri di torbidità (in diversi punti, più volte al giorno) fino alla stabilizzazione dei valori, che oggi hanno consentito la richiesta di revoca.

La Società è consapevole degli innumerevoli disagi che i residenti della zona hanno subìto, specie in mesi invernali laddove, con le basse temperature, anche l'approvvigionamento alla cisterna in strada risulta scomodo e faticoso. Pertanto il Gestore fa arrivare le proprie sentite scuse a tutti i cittadini, al sindaco e all'amministrazione comunale per quanto avvenuto, pur ribadendo di aver messo in campo tutte le azioni possibili per poter superare la criticità nel più breve tempo possibile.

Adesso l'impegno di GAIA è volto a prevenire altri eventi simili a quello occorso, che, data la sua straordinarietà, dovrà anche essere esaminato attraverso un confronto con tutti gli enti preposti. I cambiamenti climatici, di cui stiamo facendo quotidiana esperienza, impongono a tutti i Gestori idrici sempre maggiore capacità di adattamento alle mutate condizioni esterne, pertanto gli sforzi andranno nell'adozione di nuove strategie e strumenti capaci di maggiore tenuta per far fronte anche eventi estremi, come piogge intense alternate a periodi prolungati di siccità.